ASSTRIB LOGO

Assistenza Tributi


Login

Serve aiuto
per calcolare l'IMU o la TASI ?

Chiama 895 895 8911 dal Lunedì al Venerdì
(9:00 - 17:30)
Troverai un gruppo di esperti in tributi locali a tua disposizione.

Costo del servizio

Ora corrente: 26/08/2019 - Lunedì - 04:54


CALCOLATORE IMU
Inserisci un nuovo immobile

Categoria catastale

CATEGORIA CATASTALE

Scegli la categoria dell'immobile tra quelle presenti nel menù a discesa.
Nella visura catastale puoi trovare le corrette assegnazioni per ogni immobile in tuo possesso.

Si ricorda che la visura catastale dev'essere aggiornata al 1° gennaio 2012.

Il calcolatore contempla anche il calcolo dell'IMU per gli immobili di categoria D non ancora inseriti in catasto, ma distintamente contabilizzati.
La categoria catastale da scegliere per questi immobili riporta la dicitura scritture contabili e discerne il caso della categoria D/10 dalle restanti categorie D (in quanto avente un'aliquota base differente).

La categoria catastale aree edificabili (o fabbricabili) permette l'inserimento diretto della base imponibile (valore commerciale) da parte dell'utente.

La categoria catastale Terreni agricoli non condotti direttamente permette di calcolare l'IMU soltanto per i terreni agricoli il cui proprietario non è un coltivatore diretto.
Per questa destinazione occorre inserire il reddito dominicale che dev'essere aggiornato al 1° gennaio 2012.

Il calcolatore calcola l'acconto, il saldo e l'importo complessivo dell'IMU.
Laddove previsto, il calcolatore mostra le detrazioni concesse (visualizzate solo per la prima casa).

NOTA: una volta terminato un calcolo, per poter effettuare il calcolo successivo, occorre cliccare su AZZERA
ABITAZIONE PRINCIPALE

Indica al calcolatore qual è l'aliquota base da utilizzare nel calcolo dell'imposta:
- --> la prima casa con un'aliquota base dello 0,4%
- no --> altri immobili con un'aliquota base dello 0,76%

Selezionando , il calcolatore permette l'inserimento del numero di figli conviventi con età non superiore ai 26 anni e il numero di fruitori della detrazione sull'immobile.
Le spiegazioni dettagliate del significato di queste voci possono essere richiamate spostando la freccia del mouse sopra di esse.

NOTA: poiché l'aliquota dell'abitazione principale e l'aliquota delle pertinenze hanno il medesimo valore, è possibile effettuare il calcolo dell'IMU utilizzando come rendita catastale la somma delle rendite catastali della prima casa e delle relative pertinenze.
Si otterrà un unico importo IMU, comprensivo dell'intera detrazione spettante per la prima casa.
PERTINENZE

Indica al calcolatore qual è l'aliquota base da utilizzare nel calcolo dell'imposta:
- --> pertinenze per le sole categorie C/2, C/6 e C/7 con un'aliquota base dello 0,4%
- no --> ulteriori immobili con un'aliquota base dello 0,76%

L'opzione pertinenze è visibile soltanto per le categorie C/2, C/6 e C/7
FIGLI CONVIVENTI

Per l'abitazione principale, e le relative pertinenze, è possibile godere di un'ulteriore detrazione aggiuntiva (a quella base prevista) di 50€ per ogni figlio convivente di età non superiore a 26 anni (massimo 400€).
Come per la detrazione base, quest\ultima sarà concessa solo per l'imposta del 2012 e del 2013.
ALIQUOTA

Occorre fare distinzione tra l'aliquota base e l'aliquota del comune di ubicazione dell'immobile.
L'aliquota base è fissata dal ministero e di fatto è la base per il calcolo dell'acconto IMU.
L'utente può inserire l'aliquota predisposta dal proprio comune di ubicazione dell'immobile per ottenere il totale dell'imposta, ma l'acconto è calcolato esclusivamente con l'aliquota base.

Il calcolatore seleziona automaticamente l'aliquota base corretta per ogni categoria catastale selezionata. All'interno della casella comparirà il numero dell'aliquota base corretta.
All'utente viene data la possibilità di modificare il valore (tramite i pulsanti '+' e '-') impedendo comunque di inserire valori non ammessi per la categoria catastale selezionata.
QUOTA DI POSSESSO

Il valore finale dell'imposta dipende dalla quota di possesso dell'immobile in esame.

NOTA: La detrazione per l'abitazione principale (e relative pertinenze) non viene ripartita in base alla quota di possesso, ma viene suddivisa in parti uguali tra i fruitori (possessori) dell'immobile.
MESI DI POSSESSO

L'imposta IMU viene calcolata rispetto ai mesi di possesso dell'immobile durante l'anno solare dell'imposta.
Per la prima casa e le relative pertinenze, la detrazione concessa dipende anche dai mesi di possesso dell'abitazione principale (e non dai mesi di possesso delle singole pertinenze).
help fabbr dich
RENDITA CATASTALE

La maggior parte delle destinazioni d'uso permette l'inserimento della rendita catastale di un immobile.
La rendita catastale dev'essere aggiornata al 1° gennaio 2012 e può essere ottenuta tramite visura catastale.

Dalla rendita catastale viene calcolata la BASE IMPONIBILE che attualmente è pari a:

B.I.=(rendita catastale)*1.05*(moltiplicatore),


dove il moltiplicatore dipende dalla destinazione d'uso dell'immobile.

NOTA: poiché l'aliquota dell'abitazione principale e l'aliquota delle pertinenze hanno il medesimo valore, è possibile effettuare il calcolo dell'IMU utilizzando come rendita catastale la somma delle rendite catastali della prima casa e delle relative pertinenze.
Si otterrà un unico importo IMU, comprensivo dell'intera detrazione spettante per la prima casa.
VALORE COMMERCIALE

Le aree edificabili (o fabbricabili) necessitano di un inserimento diretto del valore della base imponibile da parte dell'utente: tale valore coincide con il valore commerciale dell'area edificabile.
Il valore commerciale dev'essere aggiornato al 1° gennaio 2012.
COSTI DI ACQUISIZIONE E INCREMENTO

I fabbricati scritture contabili necessitano di un inserimento diretto del valore della base imponibile da parte dell'utente: tale valore coincide con i costi di acquisizione e incremento relativi all'immobile.
I suddetti costi devono essere pertinenti all'anno dell'imposta (1° gennaio 2012).
FRUITORI

Nel caso dell'abitazione principale (o delle sue pertinenze), le detrazioni concesse per gli anni 2012, e 2013, dovranno essere divise in parti uguali in base al numero dei fruitori e NON in base alla quota di possesso.
REDDITO DOMINICALE

Il reddito dominicale rappresenta il valore iniziale da cui il calcolatore ricava la base imponibile per il calcolo dell'IMU.

Attualmente, il calcolatore computa soltanto i terreni agricoli il cui proprietario non è un coltivatore diretto.

Il reddito dominicale dev'essere aggiornato al 1° gennaio 2012.
IMMOBILE STORICO, ARTISTICO o INAGIBILE

Condizione dell'immobile che riduce del 50% la base imponibile da cui calcolare l'IMU.
Per calcolare l'IMU corretta, occorre inserire il valore intero dell'immobile e poi spuntare con il mouse la casella dell'immobile storico[...].
Gli immobili che corrispondono a questa tipologia di fabbricati sono: gli edifici considerati di interesse storico o artistico, oppure quei fabbricati dichiarati inagibili.
Ovviamente, il programma non contempla la dichiarazione di una prima casa (o relativa pertinenza) "inagibile" e limita tali categoria ai soli immobili storici o artistici.

Abitazione principale

No

Pertinenza

No

Figli conviventi

  

Fruitori

  

Aliquota

 % 

Quota possesso

 %

Mesi possesso

  

Immobile storico o artistico

No

Immobile storico, artistico o inagibile

No

Rendita catastale

 €

Valore commerciale

 €

Base imponibile ricavata dai costi di acquisizione e incremento

 €

Reddito dominicale

 €

Esecuzione in (0.5836) secondi

Queries complessive (18) ((4) reali (14) cached) - Tempo totale (91.3031) msec ((1.2832) msec reali (90.0199) msec cached)

Copyright GateCOM 3 2009-2012 - Gatesrl Template © 2012